Antisemitismo

Il termine «antisemitismo», coniato nel 1879 da Wilhelm Marr, designa l’ostilità nei confronti degli ebrei, definiti e percepiti come una «razza» unitaria. Il passaggio al concetto di «razza» si è gradualmente realizzato nel corso del XIX secolo, che ha visto il tramonto della tradizionale ostilità religiosa e l’affermarsi di concezioni vieppiù scientifiche. L’antisemitismo razzista ha soppiantato l’antico antigiudaismo di stampo religioso diffuso tra i cristiani, che accusavano gli ebrei di deicidio, di non aver riconosciuto il messia e di complottare contro la società cristiana (con l’avvelenamento delle fontane ecc.).

Gli stereotipi e i tratti distintivi considerati immutabili della «razza ebraica» furono da allora utilizzati dagli antisemiti come strumento di segregazione e discriminazione. L’antisemitismo, che prese piede nel XIX secolo sia negli ambienti borghesi che nel movimento operaio, costituiva innanzitutto una forma di reazione all’emancipazione raggiunta dagli ebrei, che ormai erano entrati a far parte della vita sociale e politica dell’Europa (occidentale). Gli antisemiti intendevano impedire questo processo di riconoscimento politico (emancipazione) e assimilazione sociale, anche per il timore di ritrovarsi relegati in una posizione sociale inferiore. Nuove forme di antisemitismo attecchite di recente fanno riferimento alla gestione dell’antisemitismo e della memoria della shoah (antisemitismo secondario) e all’atteggiamento nei confronti dello Stato di Israele (antisionismo).

Elementi caratteristici dell’antisemitismo sono l’idea di una «cospirazione mondiale ebraica» e la riduzione degli ebrei a capro espiatorio di tutti i mali sociali, politici ed economici. L’armamentario ideologico antisemita evolve a prescindere dalle condizioni reali incorporando nuove immagini e argomenti e può essere impiegato in qualsiasi contesto politico per il raggiungimento dei propri scopi. L’antisemitismo costituisce pertanto una valvola di sfogo per frustrazioni, paure e aggressività.

Inizio paginaUltima modifica: 02.01.2019