Razzismo / Discriminazione razziale

19.1013 Cerchie di estrema destra di stampo terroristico e orientate al movimento dei «prepper» in Germania, Austria e Svizzera. Interrogativi sul caso Hannibal/Uniter (interrogazione Wermuth)

Diversi media hanno riportato notizie sulla presenza in Germania e in Austria di cerchie di estrema destra orientate al movimento dei «prepper» e con legami con la Svizzera. Si tratta di una minaccia reale per la Svizzera originata da cerchie di estrema destra di stampa terroristico. Il Consiglio federale è invitato a rispondere a diverse domande sull’argomento.

19.3191 Intergruppi parlamentari con obiettivi di propaganda razzista o antisemita (postulato Molina)

L'Ufficio valuta l'adozione di direttive per l'istituzione, l'assistenza e il lavoro degli intergruppi parlamentari. Occorre evitare che vengano istituiti, come già accaduto in passato, intergruppi parlamentari che perseguono l'obiettivo di associare il proprio operato a persone, organizzazioni o contenuti razzisti o antisemiti. A tal fine si potrebbe prevedere un accreditamento da parte dell'Ufficio che autorizzi l'impiego del logo del Parlamento e l'iscrizione nel registro ufficiale.

19.3255 Difendere la democrazia liberale dai rigurgiti di antisemitismo e dai venti di estrema destra (interpellanza Wermuth)

L’ultimo rapporto sull’antisemitismo della Federazione svizzera delle comunità israelite e della Fondazione contro il razzismo e l’antisemitismo rivela un aumento preoccupante dei discorsi d’odio («hate speech») di natura antisemita in Internet. Si chiede pertanto al Consiglio federale, tra l’altro, che cosa intraprenda al riguardo, come valuti l’attuale minaccia e se disponga di cifre precise.

19.3270 Divieto dell’utilizzo pubblico di simboli che esaltano i movimenti estremisti istigando alla violenza e alla discriminazione razziale (mozione Barrile)

Il Consiglio federale è incaricato di sottoporre al Parlamento una modifica di legge che punisca l'utilizzo pubblico di mezzi di propaganda, in particolare del nazionalsocialismo o di un'associazione intesa a discreditare o calunniare sistematicamente i membri di una razza, etnia o religione.
A tal fine deve ispirarsi ai concetti di altri ordinamenti giuridici.

18.415 Fissare un limite massimo per l'aiuto sociale agli stranieri (Iniziativa parlamentare Hess)

Esistono certo disposizioni vigenti che prevedono la revoca dei permessi (di domicilio), ma sono di natura puramente potestativa. Già oggi si applicano criteri fissati dal Tribunale federale, secondo cui le persone che hanno percepito prestazioni di aiuto sociale superiori a 80 000 franchi (permesso C) o a 50 000 franchi (permesso B) devono essere oggetto di un controllo sistematico. Spesso tuttavia le autorità competenti in materia di migrazione si mostrano assai reticenti e molto raramente revocano un permesso.
Con l'adeguamento della legge federale sugli stranieri sarà emanata una chiara direttiva per gli uffici competenti affinché revochino obbligatoriamente e senza indugio il permesso, senza possibilità di prorogarlo, agli stranieri titolari di un permesso C beneficiari di prestazioni dell'aiuto sociale superiori a 80 000 franchi e agli altri stranieri che percepiscono un aiuto sociale superiore a 50 000 franchi.

18.3353 Prevenzione della discriminazione durante i controlli delle persone da parte del Corpo delle guardie di confine (Postulato Meyer)

Crescono sempre più le critiche al Corpo delle guardie di confine secondo le quali quest'ultimo, durante i controlli delle persone nei treni, nelle stazioni ferroviarie e al confine, si baserebbe in maniera determinante sulla provenienza etnica. Anche il Consiglio federale, nella sua risposta all'interpellanza 17.3601, ammette che le caratteristiche personali, come il colore della pelle, possono rientrare nel catalogo dei criteri per i controlli delle persone. Il Consiglio federale è incaricato di presentare un rapporto in cui spiega in base a quali criteri il Corpo delle guardie di confine esegue i controlli delle persone.

18.3356 Prevenzione della discriminazione in occasione dei controlli di polizia (Postulato Arslan)

Si addensano le critiche secondo cui i corpi cantonali e comunali di polizia si fonderebbero in misura decisiva sull'origine etnica o le caratteristiche fenotipiche in occasione dei controlli delle persone nei luoghi pubblici. Nella risposta all'interpellanza 17.3601 anche il Consiglio federale ammette che caratteristiche personali quali il colore della pelle rientrano nel catalogo dei criteri per i controlli delle persone. Il Consiglio federale è incaricato di stilare un rapporto in cui fornisce una panoramica delle misure adottate dalla Confederazione, dai Cantoni e dalle città svizzere per prevenire i controlli discriminatori e in altro modo arbitrari delle persone.

17.4196 Riconoscere tempestivamente e combattere l’estremismo con l’ausilio di una hotline federale (Mozione Flach)

Il Consiglio federale è incaricato di designare, in collaborazione con i Cantoni, un servizio cui possano essere segnalate, anche in via anonima, le persone sospettate di sostenere posizioni estremistiche a sfondo politico o religioso oppure di svolgere attività di questo tipo.

17.4102 Tolleranza zero nei confronti dell’estremismo violento nell’esercito. Anche per l’estremismo di destra e l’antisemitismo (Interpellanza Sommaruga)

Il quotidiano "La Liberté" ha rivelato il 12 dicembre 2017 l'esistenza su Facebook di una rete di simpatizzanti neonazisti con ramificazioni nell'Esercito svizzero. Questa rete, creata nel 2014, è stata denominata "Misanthropic Division Switzerland". L’interpellanza vorrebbe sapere tra l’altro se il Consiglio federale può indicare quali misure generali sono adottate per prevenire in seno all'esercito l'infiltrazione dell'estrema destra neonazista.

17.485 No ai cappellani musulmani nel nostro Esercito (Iniziativa parlamentare Addor)

L’initiative demande que l'article 31 de la loi fédérale sur l'armée et l'administration militaire (LAAM) soit complétée par une disposition précisant que l'assistance spirituelle mise à disposition des militaires doit être confiée exclusivement à des aumôniers protestants, catholiques romains et catholiques chrétiens.

17.3734 Permettere i discorsi d’odio sulle reti sociali? (Interpellanza Tornare)

A fine giugno il Parlamento tedesco ha votato una legge che impone alle reti sociali di eliminare determinati contenuti razzisti o antisemiti, gli incitamenti all'odio, la propaganda terrorista, ma anche semplicemente le false informazioni. L’interpellanza vorrebbe sapere se il Consiglio federale prevede di trattare questa problematica e di legiferare in materia di discorsi d'odio sulle reti sociali?

17.3601 «Racial profiling»: valutazione da parte del Consiglio federale (Interpellanza Arslan)

Fondandosi sugli attuali risultati della ricerca, l'"Alleanza contro il racial profiling" ha criticato, nel suo rapporto alternativo del maggio 2017 all'attenzione del Comitato dei diritti umani, il fenomeno sociale del "racial profiling" (profilazione razziale) quale forma di razzismo istituzionale. L’interpellanza vorrebbe sapere tra l’altro, quali provvedimenti adotta la Confederazione per combattere il "racial profiling”.

16.3977 Quante centinaia di migliaia di immigrati illegali accetta il Consiglio federale? (Interpellanza Glarner)

L’interpellanza chiede se il Consiglio federale divide l'opinione secondo cui “questo afflusso permanente di migranti economici sprovvisti di qualsivoglia qualifica, che perlopiù vivranno per tutta la loro vita a spese dei contribuenti svizzeri, comporterà a medio termine un massiccio aumento della criminalità, in particolare anche di quella organizzata”.

16.4007 Per algoritmi che rispettino i diritti fondamentali (Postulato Schwaab)

Secondo il postulato le decisioni basandosi su algoritmi rischiano di essere arbitrarie e di violare direttamente alcuni diritti fondamentali (ad es. quando un algoritmo crea una discriminazione razziale sulla base di criteri che, di per sé, non sono discriminatori). Il Al Consiglio federale viene chiesto di analizzare l'impatto dell'utilizzo di algoritmi sui diritti costituzionali e all'occorrenza di presentare le misure necessarie per rendere l'utilizzo di algoritmi trasparente, responsabile e rispettoso dei diritti fondamentali.

16.4081 Protezione dall’estremismo violento e l’esempio delle istituzioni ebraiche minacciate (Postulato Barazzone)

Il Consiglio federale è incaricato di presentare un rapporto sulla protezione contro l'estremismo violento e soprattutto sulla protezione delle istituzioni ebraiche minacciate. Il rapporto dovrà trattare in particolare i seguenti punti: ripartizione dei compiti tra Confederazione e Cantoni, possibilità per la Confederazione di sostenere i Cantoni nell'adempimento della loro funzione di protezione in questo settore come anche della responsabilità dello Stato e dei gruppi minacciati in questo settore.