Varie

22.3889 Vietare e sanzionare le terapie di conversione rivolte alle persone LGBTQ

Il Consiglio federale è incaricato di istituire le basi legali per vietare a livello nazionale le terapie di conversione (anche dette "terapie riparative o di riorientamento sessuale") su minorenni e/o giovani adulti ed elaborare una relativa norma penale. Per terapie di conversione s'intendono tutte le misure volte a modificare (riorientare) o reprimere l'orientamento sessuale, l'identità di genere o l'espressione di genere. Nel definire questi concetti il Consiglio federale dovrà basarsi sulle norme internazionali (principi di Yogyakarta). Deve essere vietato dispensare, offrire e pubblicizzare tali terapie di conversione.

Il presente divieto non riguarda in particolare:

- le discussioni dall'esito aperto sul proprio orientamento sessuale o identità sessuale svolte nel quadro di un accompagnamento professionale, come per esempio le misure psicoterapeutiche previste nelle direttive delle associazioni di categoria interessate;

- le terapie di riassegnazione del sesso praticate su indicazione medica;

- le terapie concernenti preferenze sessuali e comportamenti di rilevanza penale (come l'esibizionismo o la pedofilia).

22.3369 Nuovo Piano nazionale d'azione, migliorato, contro la tratta di esseri umani

Il Consiglio federale è incaricato di elaborare un nuovo Piano nazionale d'azione (PNA) contro la tratta di esseri umani tenendo conto delle raccomandazioni formulate nel quadro della valutazione del PNA 2017-2020.

22.3259 Evacuare e proteggere le persone queer provenienti dall'Ucraina e dalla Russia (Interpellanza Barrile)

Numerose organizzazioni delle comunità LGBTI in Europa sottolineano che, a causa dell'attacco di Putin all'Ucraina, le persone queer che si trovano nelle zone di guerra sono particolarmente in pericolo. Inoltre, attualmente il più grande movimento migratorio si sta dirigendo verso la Polonia, l'Ungheria e la Romania. Negli ultimi anni i loro governi hanno sostenuto e applicato una politica fortemente ostile alle persone queer, per cui i profughi queer non sono al sicuro in questi Paesi. A causa della radicalizzazione della macchina del potere russa, anche in Russia le persone queer sono maggiormente perseguitate.

Con l'occupazione di territori dell'Ucraina da parte delle forze armate russe è legittimo pensare che determinati gruppi, tra cui le persone queer, verranno perseguitati in modo mirato. Gli Stati Uniti lo hanno già sottolineato il 20 febbraio 2022 in una lettera all'ONU (https://int.nyt.com/data/documenttools/un-human-rights-letter-ukraine/ef8b119f2af25d55/full.pdfpdf).

A questo proposito chiedo al Consiglio federale di rispondere alle seguenti domande:

1. Il Consiglio federale come si impegna a livello internazionale per sostenere la fuga e, se necessario, l'evacuazione dall'Ucraina e dalla Russia delle persone queer, in quanto gruppo particolarmente vulnerabile?

2. Il Consiglio federale è consapevole della difficile situazione delle persone queer nei Paesi circostanti dell'Europa dell'Est e ritiene possibile chiedere ai loro governi di proteggere globalmente i profughi queer e di non discriminarli?

3. In che misura il Consiglio federale tiene conto della maggiore vulnerabilità dei profughi queer in Svizzera, nell'ambito della loro accoglienza e nei centri d'asilo della Confederazione?

4. Il Consiglio federale sta valutando la possibilità di appoggiare le organizzazioni che assistono e sostengono i profughi queer in Svizzera?

22.3198 Giustificazione di un crimine contro l'umanità da parte del Consiglio federale

In due interpellanze (Friedl 18.3072 e Ryser 21.3905) è stato chiesto al Consiglio federale di valutare - sul piano storico, morale e giuridico (diritti umani) - la sua posizione del 1864 (Dubs, Schenk, Knüsel, Fornerod, Frey-Herosé, Naeff, Challet-Venel) che aveva giustificato, scusato e sostenuto la schiavitù.

Il Consiglio federale ha risposto negli stessi termini a entrambe le interpellanze: "La reazione delle autorità federali era caratterizzata dalle norme che vigevano negli anni 1860. I criteri sono nel frattempo cambiati e la società di oggi condivide altri valori".

Come già esposto nelle interpellanze menzionate, la posizione dell'attuale Consiglio federale è in palese contrasto con le conoscenze storiche di oggi. Nel 1864, infatti, le norme in vigore non erano più quelle dei governanti del mondo occidentale, bensì solo quelle delle élite schiaviste degli Stati uniti del Sud, di Cuba, del Brasile e delle colonie portoghesi di Angola e Mozambico. Sebbene nel 1864 la schiavitù fosse stata dichiarata un crimine nel mondo intero, l'allora Consiglio federale fu l'ultimo governo occidentale a giustificarla, scusarla, banalizzarla e sostenerla.

Nella sua posizione, l'attuale Consiglio federale valuta e spiega con lo stesso metro di misura la promozione e la messa al bando della schiavitù, il che è eticamente insostenibile e, per la Svizzera, vergognoso. Secondo il Consiglio federale, promozione e messa al bando si fondano su "valori" e questi valori apparentemente possono cambiare. Giustificare un crimine contro l'umanità - che di fatto annulla tutti i valori - sulla base di un cambiamento di valori è inaccettabile.

1. Il Consiglio federale riconosce che la schiavitù nel 1864 costituiva un crimine contro l'umanità?

2. Il Consiglio federale riconosce che giustificare e sostenere la schiavitù nel 1864 significava partecipare a questo crimine?

3. Il Consiglio federale riconosce che la Svizzera - avendo il Consiglio federale legittimato e promosso la schiavitù - è stata corresponsabile delle sofferenze inflitte da cittadini e cittadine svizzeri a uomini, donne e bambini schiavizzati in Brasile?

4. Quali conseguenze comporta la giustificazione della schiavitù da parte del Consiglio federale del 1864 per la Svizzera di oggi?

22.019 Sviluppi dell’acquis di Schengen. Definizione delle condizioni di accesso agli altri sistemi di informazione dell’UE (ETIAS)

Messaggio del 18 maggio 2022 relativo all’approvazione e alla trasposizione nel diritto svizzero degli scambi di note tra la Svizzera e l’UE concernenti il recepimento dei regolamenti (UE) 2021/1150 e (UE) 2021/1152 per quanto riguarda la definizione delle condizioni di accesso agli altri sistemi di informazione dell’UE ai fini del sistema europeo di informazione e autorizzazione ai viaggi (ETIAS) (Sviluppi dell’acquis di Schen-gen) e la modifica della legge federale sugli stranieri e la loro integrazione

FF 2022 1449

Scambio di note dell’11 agosto 2021 tra la Svizzera e l’Unione europea concernente il recepimento del regolamento (UE) 2021/1152 che modifica i regolamenti (CE) n. 767/2008, (UE) 2017/2226, (UE) 2018/1240, (UE) 2018/1860, (UE) 2018/1861 e (UE) 2019/817 per quanto riguarda la definizione delle condizioni di accesso agli altri sistemi di informazione dell’UE ai fini del sistema europeo di informazione e autorizzazione ai viaggi (Sviluppo dell’acquis di Schengen)

FF 2022 1451

Scambio di note dell’11 agosto 2021 tra la Svizzera e l’Unione europea concernente il recepimento del regolamento (UE) 2021/1150 che modifica i regolamenti (UE) 2018/1862 e (UE) 2019/818 per quanto riguarda la definizione delle condizioni di accesso agli altri sistemi di informazione dell’UE ai fini del sistema europeo di informazione e autorizzazione ai viaggi (Sviluppo dell’acquis di Schengen)

FF 2022 1452

21.4652 Gender data bias: una crescente sfida sociale (Interpellanza Ryser)

I dati rilevati oggi determinano come sarà la società di domani. Pertanto invito il Consiglio federale a rispondere alle seguenti domande:

1. Condivide l'opinione che nelle decisioni basate su dati si debba evitare di consolidare eventuali ingiustizie e che quello della mancanza di dati di genere (gender data gap) sia un problema grave con ampie implicazioni sulla società?

2. In Svizzera vi sono ricerche in merito? In caso contrario, sarebbe disposto a esaminare il tema nel contesto svizzero, per esempio mettendo a concorso un progetto di ricerca?

3. Sta seguendo gli sforzi attualmente profusi dall'UE per dotarsi di regolamentazioni in merito ed è in grado di stimarne le conseguenze per la Svizzera?

21.4599 Rilevamento statistico delle misure di polizia per la lotta al terrorismo (MPT) (Postulato Marti Min Li)

Il Consiglio federale è incaricato di esaminare la possibilità di allestire, dopo l'entrata in vigore della legge federale sulle misure di polizia per la lotta al terrorismo nonché delle pertinenti ordinanze, una statistica sulle misure ordinate. La statistica potrebbe essere allestita e pubblicata dall'Ufficio federale di statistica, ad esempio analogamente a quella relativa ai reati nell'ambito della violenza domestica.

21.513 Gli incitamenti all'odio e alla violenza a motivo del sesso devono essere punibili (Iniziativa parlementare Marti Min Li)

L'articolo 261bis del Codice penale svizzero è modificato come segue:

Discriminazione e incitamento all'odio

Chiunque incita pubblicamente all'odio o alla discriminazione contro una persona o un gruppo di persone per la loro razza, etnia, religione, per il loro orientamento sessuale o per il loro sesso, (...)