Lavoro / educazione / abitazione / salute

21.3731 Titolo segue (Postulato Atici)  nuovo

Cf. Versione tedesca

21.3869 Titolo segue (Interpellanza Suter)  nuovo

Cf. Versione tedesca

21.3519 Titolo segue (Mozione Aeschi)  nuovo

Cf. Versione tedesca o francese

21.3348 Test e vaccini contro la Covid-19. Quali sono gli sforzi intrapresi o previsti per proteggere i sans-papiers ? (Interpellanza Wasserfallen)

In occasione della recente riunione dell'intergruppo parlamentare Croce Rossa, gli specialisti della Croce Rosa Svizzera hanno espresso preoccupazione per la situazione precaria dei sans-papiers. In effetti, nonostante il test e la vaccinazione anti-COVID-19 oggi siano gratuiti, molti di loro potrebbero rinunciare a ricorrervi per paura di essere denunciati. Altri non sono assicurati contro le malattie o non conoscono abbastanza la lingua o il sistema svizzero per informarsi correttamente sulla propria situazione. (...)

21.3346 Scandali all'UNRWA (Interpellanza Heer)

Per l'ennesima volta, presso l'Agenzia ONU per i profughi palestinesi (UNRWA), che la Svizzera sostiene con 20 milioni di franchi all'anno, è stato trovato materiale didattico antisemita e che istiga all'odio, e questo benché l'UNRWA abbia assicurato più volte in passato di aver provveduto a risolvere il problema. In una risposta a un intervento presentato nell'aprile del 2016 il Consiglio federale aveva precisato: "La Svizzera non sostiene in nessun caso organizzazioni che incitano all'odio, alla violenza, al razzismo o all'antisemitismo". Eppure l'UNRWA è un'organizzazione che fomenta violenza, odio, razzismo e antisemitismo. A questo proposito chiedo al Consiglio federale di rispondere alle domande seguenti : (...)

21.3105 Insegnamento scolastico ai bambini e ai giovani nei centri federali d'asilo (Interpellanza Locher Benguerel)

In virtù della Costituzione federale e della Convenzione sui diritti del fanciullo, tutti i minori hanno diritto a un'istruzione scolastica di base completa e gratuita. Un nuovo rapporto della Commissione nazionale per la prevenzione della tortura constata che nei diversi centri federali d'asilo (CFA) la durata dell'insegnamento varia da tre a cinque giorni alla settimana. L'età per l'obbligo scolastico si orienta alla rispettiva legislazione cantonale. Secondo quanto indicato dalla SEM, in due CFA i minorenni frequentano la scuola fino al raggiungimento della maggiore età. (...)

21.3041 Durata della preparazione alla formazione professionale di base per giovani rifugiati e giovani immigrati tardivamente (Interpellanza Prelicz-Huber)

In vari settori non ci sono abbastanza apprendisti e giovani professionisti per soddisfare la domanda delle aziende. Da un nuovo studio (SFM 2019) emerge che molti giovani immigrati tardivamente hanno le capacità per seguire una formazione professionale, ma hanno bisogno di due o più anni per potersi preparare adeguatamente. (...)

20.4209 Divieto di indossare il velo islamico agli sportelli dell'Amministrazione federale e delle imprese con partecipazione maggioritaria della Confederazione (Mozione Addor)

Il Consiglio federale è incaricato di proporre al Parlamento una base legale che vieti alle impiegate dell'Amministrazione federale e delle imprese con partecipazione o controllo maggioritario da parte della Confederazione di indossare il hijab, il velo islamico o qualsiasi indumento che copra il viso o la testa se svolgono un'attività a contatto con il pubblico.

20.4119 Autorizzare l'attività lucrativa ai richiedenti l'asilo che hanno ricevuto una decisione negativa della SEM e che sono in attesa dell'allontanamento (Mozione Regazzi)

Il Consiglio federale è incaricato di modificare le basi legali - in particolare nella Legge federale sull'asilo (LAsi) e nelle relative ordinanze - per permettere l'esercizio di un'attività lucrativa ai richiedenti la cui domanda di asilo è stata negata. Questo per mantenere la loro autonomia finanziaria in attesa che la decisione di allontanamento venga, nella misura in cui questa sia possibile, eseguita. Infatti, in taluni casi la SEM ritiene esigibile l'allontanamento che di fatto è inattuabile in assenza di richiesta volontaria della persona che deve tornare in Patria o perché il rimpatrio forzato non viene ammesso. In questi casi il richiedente l'asilo rimane sul nostro territorio senza poter lavorare, risp. frequentare corsi di formazione, in condizioni di emarginazione sociale e professionale e - non da ultimo - a carico dell'aiuto sociale.