Diritto d'asilo e degli stranieri

23.7951 Famiglie rom numerose con status di protezione S (Ora delle domande Steinemann)  Nuovo

Le autorità municipali stanno notando che nelle loro strutture di accoglienza vengono assegnate famiglie rom numerose con lo status di protezione S. Sospettano che queste persone abbiano ottenuto i documenti ucraini tramite corruzione. I sospetti si basano sulle dichiarazioni di altre persone con lo status S.
- La Confederazione è intervenuta in questa problematica?
- Esistono misure internazionali?
- È possibile verificare la correttezza delle informazioni riportate sui documenti?
- Quanti adulti accompagnati da più di tre minori hanno fatto domanda negli ultimi tre mesi?

23.7918 Famiglie rom numerose provenienti dall'Ucraina con lo status di protezione S (Ora delle domande Götte)  Nuovo

famiglie rom numerose provenienti dall'Ucraina vengono in Svizzera. Molti di loro non parlano né russo né ucraino. Molti di loro hanno documenti d'identità della stessa località. C'è motivo di credere che i documenti possano essere acquisiti in modo fraudolento.
- La SEM ha informazioni su questa pratica?
- È in corso un'indagine?

23.7744 Il Consiglio federale intende accordare l'asilo a tutte le musulmane? (Interpellanza Zuberbühler)

Dopo la presa di potere dei Talebani, il Consiglio federale vuole estendere il diritto di asilo a tutte le donne afghane, in quanto sistematicamente oppresse dalla visione del mondo tradizionalista dei Talebani. Questa argomentazione potrebbe essere avanzata per tutti i Paesi in cui si pratica un Islam reazionario, in particolare l'Iran, gli Stati del Golfo e i Paesi in cui sono presenti potenti gruppi islamisti.
Il Consiglio federale vuole estendere il diritto di asilo a tutte le donne musulmane del mondo?

23.4361 Revoca di permessi di dimora per potenziali "rischi di reputazione" (Interpellanza Büchel)  Nuovo

Nei mesi scorsi la Segreteria di Stato della migrazione ha negato ad alcuni cittadini russi non sanzionati la proroga del permesso di dimora adducendo la motivazione di una «possibile perdita di reputazione» per la Svizzera.
Invito il Consiglio federale a rispondere alle domande seguenti:

1. In quanti casi la domanda di permesso o di proroga del permesso di cittadini russi non sanzionati è stata respinta, è stata oggetto di un preavviso negativo oppure la pertinente decisione è stata posticipata? (...)

23.4246 Impedire la migrazione illegale di Afghani di sesso maschile (Mozione Minder)

Il Consiglio federale è incaricato di:
1. designare l’Afghanistan come Paese sicuro per gli Afghani di sesso maschile;
2. negoziare con l’Austria un accordo di riammissione per la migrazione secondaria;
3. puntare al trasferimento anche in procedura «fast track» dei migranti afghani di sesso maschile in situazione irregolare;
4. negoziare un accordo / partenariato in materia di migrazione con l’Afghanistan.

23.4241 Correggere il cambio di prassi per le domande d'asilo delle cittadine afghane (Mozione Rutz)

Il Consiglio federale è incaricato di annullare il cambio di prassi effettuato dal 17 luglio 2023 per le domande d’asilo delle cittadine afghane. Il criterio determinante deve essere il Paese d’origine e non la cittadinanza.

23.3922 Occorrono finalmente regole chiare ed eque per il rilascio di visti umanitari (Interpellanza Fluri)

La settimana scorsa il Capo del Dipartimento federale di giustizia e polizia ha comunicato di voler rilasciare un maggior numero di visti umanitari. Intende ancora discutere con il Consiglio federale ed esaminare in generale la fattibilità giuridica e politica di questo passo. Per ottenere informazioni e chiarimenti esaustivi in merito al rilascio di visti umanitari, il Consiglio federale è pregato di chiarire previamente le domande seguenti: (...)

23.3778 Legge federale sugli stranieri e la loro integrazione. Libera circolazione dei lavoratori, non degli accattoni (Mozione Berthoud)

Il Consiglio federale è incaricato di modificare la legge federale sugli stranieri e la loro integrazione (LStrI) affinché sia revocato un eventuale permesso di dimora a stranieri che praticano l’accattonaggio in Svizzera, sia emanato nei loro confronti un divieto d’entrata e affinché, se necessario, possano essere espulsi dal Paese, nel rispetto delle regole del diritto internazionale.

23.3758 I furti commessi da richiedenti l'asilo alloggiati nei centri federali restano impuniti per disposizione della SEM? (Interpellanza Quadri)

Nella procedura di consultazione relativa alla legge sull'asilo, in materia di sicurezza ed esercizio dei Centri della Confederazione, nel rapporto esplicativo sull'articolo 25 a (Misure disciplinari) il Consiglio federale indica che un furto va considerato un perturbamento dell'esercizio di un centro federale per richiedenti l'asilo, con le conseguenti possibilità di intervento, solo se effettuato nelle immediate vicinanze della struttura. Un'interpretazione che appare troppo restrittiva: il furto in generale dovrebbe infatti essere tenuto in considerazione; e questo indipendentemente dal luogo in cui viene commesso.

23.3397 L'integrazione efficace dei giovani rifugiati e ammessi provvisoriamente rappresenta la chiave di una buona politica in materia d'asilo (Interpellanza Widmer)

Nel 2019, unitamente alla nuova procedura d'asilo, è stata avviata l'"Agenda Integrazione Svizzera" (AIS), che mira a integrare rapidamente nel mondo del lavoro e nella società i rifugiati riconosciuti e le persone ammesse provvisoriamente. Una buona politica d'asilo comprende anche un'efficace politica in materia d'integrazione. Un'integrazione riuscita nel mercato del lavoro sgrava chiaramente i Cantoni e i Comuni a lungo termine e contribuisce ad attenuare la penuria di manodopera qualificata.

23.443 Espulsione degli stranieri che commettono reati. Per una ponderazione degli interessi conforme al buon senso (Iniziativa parlamentare)

La legislazione vigente è adeguata in modo che, nelle sentenze per crimini violenti, i legami dell'autore con il suo Paese di origine non siano presi in considerazione nella ponderazione degli interessi ai sensi dell'articolo 66a capoverso 2 del Codice penale (CP).

22.4593 Richiedenti l'asilo. Considerazione del rischio suicidario e prevenzione in materia di salute psichica (Interpellanza Mazzone)

Un giovane richiedente l'asilo si è tolto la vita a Ginevra dopo la decisione delle autorità di allontanarlo in Grecia, un Paese in cui aveva subito numerosi atti di violenza fisica e sessuale. Al di là del caso specifico, si pongono interrogativi sulla considerazione del rischio suicidario e l'accompagnamento dei richiedenti l'asilo sul piano della salute psichica.

22.4155 Sostituire l'ammissione provvisoria con uno statuto di protezione umanitaria (Mozione Gruppo Socialista)

Il Consiglio federale è incaricato di sottoporre al Parlamento un progetto volto a sostituire l'attuale misura sostitutiva "ammissione provvisoria" con uno statuto di protezione autonomo "H" (per "Humanitärer Schutz", "protezione umanitaria"). Si tratta di creare un nuovo statuto di protezione, probabilmente di lunga durata, che migliori la situazione delle persone in questione e in particolare ne favorisca l'integrazione conformemente agli obiettivi dell'Agenda Integrazione Svizzera. Nel contempo, il progetto deve mirare alla coerenza con la regolamentazione europea della protezione sussidiaria.

22.3494 Stop all'arbitrio. Lo statuto S per tutti i rifugiati provenienti dall'Ucraina (Interpellanza Fivaz)

Il Consiglio federale ha deciso di attivare lo statuto di protezione S per garantire che le persone in fuga dall'Ucraina ricevano rapidamente un diritto di soggiorno senza doversi sottoporre a una procedura d'asilo ordinaria.
Il Consiglio federale ha precisato che "oltre ai cittadini ucraini e ai loro familiari, ricevono lo statuto S anche i cittadini di Stati terzi costretti a fuggire a causa della guerra, a condizione che prima della loro fuga fossero in possesso di un titolo di soggiorno valido in Ucraina e che un rimpatrio sicuro e durevole non sia possibile". L'applicazione di quest'ultima condizione comporta trattamenti arbitrari.

22.3453 Riconoscere finalmente i profughi eritrei in Svizzera (Interpellanza Trede)

1. Quando il Consiglio federale cambierà la sua prassi?

2. Quando riconoscerà che l'Eritrea non è uno Stato sicuro?

3. Condivide l'opinione secondo cui gli Eritrei giunti in Svizzera secondo la vecchia legge sull'asilo devono ottenere uno statuto legale?

4. Come può assumersi la responsabilità del ritorno obbligato degli Eritrei in zone di guerra e definirlo ragionevolmente esigibile?

5. In futuro riconoscerà i profughi eritrei in Svizzera?

22.3092 Uno statuto giuridico di rifugiato per le vittime del clima (Mozione Klopfenstein Broggini)

Il Consiglio federale è incaricato di stabilire una definizione delle "persone sfollate a causa di catastrofi naturali legate al cambiamento climatico" e di riconoscere loro uno statuto giuridico di rifugiato in Svizzera, a complemento della Convenzione del 1951 sullo statuto dei rifugiati, in modo da migliorare la loro protezione.

22.3090 Un programma di sostegno ed empowerment per i profughi con statuto S (Postulato Gruppo dei Verdi)

La Confederazione inserisce i profughi con statuto S, principalmente donne e bambini, in un programma specifico, che consente di affrontare la loro particolare vulnerabilità con il necessario sostegno psicologico. Se questo sostegno dovesse risultare efficace, occorre valutare l'opportunità di estenderlo agli altri profughi e al loro statuto. D'altro canto, il programma mira a offrire ai profughi con statuto S un empowerment per renderli ambasciatori e ambasciatrici della pace e della democrazia.