Diritto d'asilo e degli stranieri

22.3242 Estendere il periodo di stabilità per le future madri sottoposte a una procedura di rimpatrio

Il Consiglio federale è incaricato di modificare la prassi di rimpatrio coatto delle donne incinte o appena diventate madri in applicazione del diritto degli stranieri affinché il loro rinvio sia vietato almeno al di là della 28a settimana di amenorrea e in ogni caso fino a otto settimane dopo il parto.

22.3092 Uno statuto giuridico di rifugiato per le vittime del clima (Mozione Klopfenstein Broggini)

Il Consiglio federale è incaricato di stabilire una definizione delle "persone sfollate a causa di catastrofi naturali legate al cambiamento climatico" e di riconoscere loro uno statuto giuridico di rifugiato in Svizzera, a complemento della Convenzione del 1951 sullo statuto dei rifugiati, in modo da migliorare la loro protezione.

22.3090 Un programma di sostegno ed empowerment per i profughi con statuto S (Postulato Gruppo dei Verdi)

La Confederazione inserisce i profughi con statuto S, principalmente donne e bambini, in un programma specifico, che consente di affrontare la loro particolare vulnerabilità con il necessario sostegno psicologico. Se questo sostegno dovesse risultare efficace, occorre valutare l'opportunità di estenderlo agli altri profughi e al loro statuto. D'altro canto, il programma mira a offrire ai profughi con statuto S un empowerment per renderli ambasciatori e ambasciatrici della pace e della democrazia.

22.430 Procedura dei casi di rigore ai sensi della legge sull'asilo. Rispettare la garanzia della via giudiziaria

Occorre modificare l'articolo 14 LAsi in modo da consentire a livello cantonale un rimedio di diritto contro la decisione delle autorità amministrative cantonali di respingere l'avvio di una procedura per il rilascio di un permesso di dimora per i casi di rigore.

22.055 Rapporto sullo stralcio della mozione Regazzi 16.3982 «Espulsione di terroristi verso i loro paesi di origine, sicuri o meno»

Rapporto del 4 maggio 2022 sullo stralcio della mozione Regazzi 16.3982 «Espulsione di terroristi verso i loro paesi di origine, sicuri o meno»

21.309 No all'allontanamento dei richiedenti l'asilo verso Paesi dove i diritti umani sono calpestati. Vietiamo gli allontanamenti verso l'Etiopia

Il Gran Consiglio della Repubblica e Cantone di Ginevra,

visto l'articolo 160 capoverso 1 della Costituzione federale;

visto l'articolo 115 della legge del 13 dicembre 2002 sul Parlamento;

visto l'articolo 156 della "loi portant règlement du Grand Conseil de la République et canton de Genève", del 13 dicembre 1985,

considerati:

- la Dichiarazione universale dei diritti umani, segnatamente gli articoli 3, 5, 7, 9, 14 e 18;

- il Patto internazionale relativo ai diritti civili e politici, approvato dall'Assemblea federale il 13 dicembre 1991;

- l'articolo 25 capoversi 2 e 3 della Costituzione federale;

- gli articoli 1 e 18 della Costituzione della Repubblica e Cantone di Ginevra;

- gli articoli 3, 4 e 5 capoverso 1 della legge sull'asilo;

- la necessità di garantire l'applicazione dei testi fondamentali elencati vietando gli allontanamenti verso Paesi dove i diritti umani sono calpestati;

- l'esigenza di garantire la sicurezza e l'integrità delle persone allontanate verso i loro Paesi;

- la situazione particolarmente difficile in Etiopia, caratterizzata da tensioni etniche e politiche, e la costante instabilità che prevale nel Paese;

- le gravi violazioni dei diritti umani che vi vengono perpetrate, documentate da Amnesty International e dall'Organizzazione svizzera di aiuto ai rifugiati (OSAR);

- il fatto che la guerra civile che ha devastato il Paese, dando luogo a un'instabilità politica permanente, svuoti nella sua essenza l'allineamento della Svizzera, nel 2018, all'Accordo di collaborazione e di riammissione fra l'Etiopia e l'Unione europea;

- il rinvio coatto, avvenuto il 27 gennaio 2021, di Tahir Tilmo, Arkisso Solomon, Teklu Feyisa e altre persone deportate in Etiopia in condizioni particolarmente inumane in violazione dei principi essenziali del rispetto e della protezione delle persone;

- il fatto che, nonostante il grave deterioramento del suo stato di salute, una di queste persone sia stata prelevata dal pronto soccorso dell'Ospedale universitario di Ginevra per essere trasferita all'aeroporto e poi messa su un volo speciale,

chiede all'Assemblea federale di:

- garantire, conformemente all'articolo 4 della legge sull'asilo, "provvisoriamente protezione a persone bisognose di protezione esposte a un pericolo generale grave, in particolare durante una guerra o una guerra civile e in situazioni di violenza generalizzata";

- vietare l'allontanamento di richiedenti l'asilo verso Paesi dove i diritti umani sono calpestati o con i quali sono stati firmati accordi di riammissione poco trasparenti;

- in particolare, sospendere immediatamente tutti i rinvii coatti e i voli speciali verso l'Etiopia;

- interpellare il Consiglio federale affinché rimetta in discussione l'allineamento della Svizzera all'Accordo di collaborazione e di riammissione firmato fra l'Etiopia e l'Unione europea, tenuto conto dell'instabilità politica in Etiopia e delle violenze perpetrate nei confronti delle popolazioni civili.